Come si imparano le lingue? Parte prima

Posted on Updated on

Una domanda che ci si pone quando si decide di imparare una lingua straniera è “Da dove inizio?”. Il problema non è da poco e la risposta non è semplice. Naturalmente la prima differenza sta nell’età dello studente: infatti un bambino impara le lingua con meccanismi completamente diversi da quelli di un adulto. Noi per ora restringeremo il campo e ci occuperemo solo degli adulti

La risposta dipende prima di tutto dal livello iniziale di conoscenza della lingua: nel caso in cui il livello sia basso è spesso utile avere qualcuno che ci accompagni e ci aiuti a fare i primi passi. Una volta compresa ed assimilata la struttura della lingua sarà più facile camminare sicuri e spediti per conto proprio. Bisogna comunque mettersi in testa una cosa: imparare una lingua straniera richiede tempo e dedizione, per vedere i primi progressi ci vuole tempo e non si migliora senza fare sforzi e tanti tanti compiti!

I più motivati (o nel caso in cui non ci sia la disponibilità economica) possono decidere di non farsi seguire da un insegnante: come fare in questo caso? Sul mercato si trovano libri e pacchetti per l’auto apprendimento, corredati da CV, DVD e a volte da programmi per il riconoscimento vocale per controllare la pronuncia (tutto però ha un prezzo…). Anche su Internet ci sono risorse a disposizione, spesso gratuite. Questo è quello che offre la BBC mentre qui si trova il link al sito del British Council.

Un suggerimento è farsi aiutare da amici o parenti che ne sanno più di noi: li possiamo sfruttare sia per chiedere chiarimenti per qualche regola grammaticale o termine, sia per scambiare qualche parola nella lingua che stiamo imparando, può essere utile anche a loro! Questo è anche un buon modo per eliminare il primo ostacolo nello studio di una lingua: la timidezza!

Attenzione però, non è detto tutto funzioni da subito per il meglio. Bisogna ricordare che imparare una lingua da soli significa anche cercare da soli il giusto metodo di studio. Se proprio non si riescono a fare passi avanti, non bisogna darsi per vinti e cambiare approccio: se c’è la motivazione prima o poi si troverà il metodo giusto.

Più il livello di conoscenza della lingua è alto, più facile è calarsi in situazione in cui sia necessario utilizzarla. In realtà è proprio questo il segreto per imparare una lingua: immergervisi il più possibile. In questo modo ci si imbatte inevitabilmente in strutture grammaticali, espressioni e termini nuovi che a forza di sentire ripetuti ed utilizzati in contesti diversi si finisce per imparare.

In uno dei prossimi post cercheremo di suggerire alcuni modi per rendere lo studio di una lingua più stimolante e mirato.

Aspettiamo commenti!

Please share your thoughts with us!

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s